News & Media

Terapie Digitali per contrastare gli effetti indesiderati sulla salute mentale associati alla pandemia COVID-19

Articolo di Giuseppe Recchia Co-founder daVinci Digital Therapeutics

20 Maggio 2020 News

DTxCOVID – Sviluppo di una Terapia Digitale per contrastare gli effetti indesiderati sulla salute mentale associati alla pandemia COVID-19

 

 

 

 

Tra i provvedimenti di contrasto della attuale pandemia COVID-19, causata dal SARS-CoV-2, la limitazione dei movimenti della popolazione generale, la quarantena (separazione e restrizione del movimento delle persone che sono state potenzialmente esposte al contagio) e l’isolamento (separazione delle persone con diagnosi di infezione dalle persone non contagiate) rappresentano i provvedimenti di maggior efficacia in assenza di farmaci e vaccini specifici.

Tali provvedimenti, adottati in Italia a decorrere da marzo 2020 ed interessano tutta la popolazione. In considerazione della evoluzione della infezione, le misure restrittive adottate in marzo possano essere estese al/i mese/i successivo/i.

La limitazione dei movimenti, con la conseguente necessità per le persone di rimanere nella propria abitazione, la quarantena e l’isolamento rappresentano spesso un’esperienza spiacevole per coloro che lo subiscono. La separazione dai propri cari, la perdita di libertà, l’incertezza sullo stato della infezione e della malattia, la noia possono talora creare effetti drammatici. Sono stati segnalati in letteratura casi di suicidio ha sono state segnalate, di rabbia ed aggressività, ansia, depressione ed aumento della litigiosità e delle cause legali a seguito dell’imposizione della restrizione ai movimenti, della quarantena e dell’isolamento in questa ed in precedenti epidemie.

I potenziali benefici dell’obbligo a restrizione ai movimenti, quarantena ed isolamento di massa devono pertanto essere valutati con attenzione rispetto a i possibili costi psicologici.
Affinché restrizione ai movimenti, quarantena ed isolamento di massa quali misure di salute pubblica possano avere successo diviene necessario ridurre, per quanto possibile, gli effetti negativi associati con esso.

In queste circostanze, l’OMS raccomanda una revisione rapida delle prove sull’impatto psicologico della quarantena per esplorare i suoi probabili effetti sulla salute mentale e benessere psicologico, e i fattori che contribuiscono per, o attenuare, questi effetti.

In considerazione della attuale situazione ed evoluzione della pandemia COVID-19 in Italia, diviene urgente predisporre interventi in grado di contrastare gli effetti negativi sulla salute mentale della popolazione italiana determinati da restrizione ai movimenti, quarantena ed isolamento di massa.

Tra le diverse opzioni, lo sviluppo di una Terapia Digitale, in forma di applicazione per dispositivi mobili, in grado di erogare interventi sanitari di provata efficacia in modo economico rappresenta una modalità in grado di raggiungere tutta la popolazione e di offrire una personalizzazione dell’intervento a costo quasi nullo.

La disponibilità di tale Terapia Digitale consentirà inoltre la raccolta di dati, in tempo reale, in grado di produrre informazioni e conoscenza sull’impatto psicologico della attuale pandemia sulla popolazione italiana, utili per la programmazione di successivi, analoghi fenomeni.