News & Media

Intervista a Luca Proietto Head Of RPA Platforms Enel

17 Marzo 2020 News

Abbiamo intervistato  Luca Proietto Head Of RPA Platforms Enel speaker di Intelligent Automation & RPA 2020. Gli abbiamo posto le seguenti domande.

  • RPA ed AI come fattori abilitanti per il processo di trasformazione digitale: quali sfide e verso quali obiettivi a lungo tendere in Enel?

Come condiviso con alcuni dei nostri Direttori, per l’intelligent Automation in Enel, il 2020 è l’anno dello Scale Up. Siamo ormai usciti dall’approccio prototipale e queste tecnologie sono state riconosciute prima come utili e ora come necessarie.

Per questo motivo è in corso una vera e propria industrializzazione della robotica in tutto il gruppo. Si sta passando da una robotizzazione per necessità contingenti ad un programma strutturato che coinvolga tutte le Global Business Line e si declini su tutte le Country del nostro gruppo.

La sfida, per un gruppo così esteso, è quella di convergere verso un’unica piattaforma robotica di riferimento, sfruttando così le sinergie tecnologiche e le competenze, maturate nei primi anni di adoption.

  • Come avviare un percorso di cambiamento culturale per massimizzare le opportunità offerte dai nuovi strumenti di automazione?

Le modalità di lavoro stanno cambiando. L’Intelligent Automation sta apportando un cambiamento paragonabile a quello dell’introduzione dei computer negli uffici.
Uno degli elementi di successo, per avviare un programma di robotica efficace, è sicuramente l’attenzione verso questi cambiamenti. Lo sforzo profuso nel processo di change management dovrebbe essere pari a quello impiegato per le attività di discovery e di sviluppo.
L’obiettivo deve essere avvicinare gli utenti di business alle soluzioni di robotica e per questo in Enel abbiamo modellato il concetto di collega virtuale: i nostri robot hanno una matricola aziendale, una casella di posta, un responsabile business e un loro calendario digitale di lavoro condiviso. Il processo di addestramento inoltre coinvolge direttamente gli utenti, che ci aiutano a trasferire il loro know-how ai colleghi virtuali, favorendo così il processo di cambiamento culturale e di accettazione di queste tecnologie.

  • Un trend tecnologico che a suo parere crescerà nei prossimi tre anni

Un concetto molto forte che alcuni vendor RPA stanno sponsorizzando è quello della democratizzazione della robotica: immaginare in un futuro prossimo un collega virtuale a supporto di ogni dipendente, collaborando in un ambiente digitale fortemente interconnesso.
Questo passa sicuramente da un’interazione sempre più naturale con le nuove tecnologie e dall’introduzione di nuove modalità di sviluppo dei Robot, in cui l’artificial intelligence, il machine learning e la computer vision giocheranno un ruolo fondamentale. Sviluppare sui robot le capacità di observational learning e auto-apprendimento, apprendere dalla semplice registrazione delle attività umane astraendo dal contesto specifico, permetterà una diffusione esponenziale di queste soluzioni, anche in quei pochi contesti ancora avulsi dal loro utilizzo.