News & Media

Intervista a Luca Cremona, Head of Industrial, Rold

06 Marzo 2020 News

Abbiamo intervistato Luca Cremona, Head of Industrial di Rold. Gli abbiamo posto le seguenti domande.

1.       Come l’Intelligenza Artificiale, i Big Data e l’IoT stanno cambiando il concetto di lavoro in un sito produttivo?
Queste tecnologie stanno impattando sul ruolo degli operatori e dei responsabili ponendoli di fronte a nuove sfide culturali prima che tecnologiche. Diventa fondamentale disegnare nuove modalità di gestione e di comunicazione nei processi industriali. Le informazioni fluiscono rapidamente al polso degli operatori (ad esempio attraverso SmartWatch) e possono essere immediatamente usate per prender decisioni in forma più efficiente ed efficace. Si parla quindi di soft-skills (e.g. complex problem solving, critical thinking, team working) a livello operativo

2.       Predictive maintenance: quali benefici reali per le aziende nei prossimi 3 anni?
Il primo step è la manutenzione proattiva: identificare fenomeni che occorrono sui macchinari e poterli risolvere rapidamente. Solo così si potrà contribuire a generare una base di dati ampia e costituita da dati storici e granulari. Nei prossimi anni assisteremo pertanto alla vasta diffusione di strumenti e piattaforme in grado di disegnare modelli di analisi del rischio di rottura dei macchinari e, conseguentemente, azioni correttive. I benefici cadranno in maggiore vita utile dei macchinari, riduzione costi di riparazione, creazione base di dati con memoria di tutti gli interventi fatti, diffusione di strumenti tecnologici per supportare live gli operatori durante le operazioni di manutenzione

3.       Come personalizzare l’offerta grazie ai Big Data?
I big data consentono di "gestire l'ambiguità" e quindi di rispondere al generale con una risposta particolare. Grandi moli di dati possono essere correlate per individuare pattern e proporre offerte personalizzate ai clienti (ai diversi livelli dell'offering di un prodotto digitale: dal back-end al front-end) consentendo quindi di abilitare ciò che è noto come mass-customization.