News & Media

Big Data & Procurement: DA STRUMENTO A RISORSA

Quali sono i vantaggi apportati dai data analytics nella gestione del ciclo d’acquisto?

03 Dicembre 2019 News

Abbiamo intervistato Antonio Furci, 
Central Procurement Manager di TP REFLEX GROUP interverrà al prossimo Procurement Forum  nella Tavola Rotonda
Economia Digitale, AI, Blockchain: Quale futuro per Sourcing e Procurement nell’era dell’innovazione?

 

 

Il 76% delle aziende italiane dichiara di voler aumentare nei prossimi anni gli investimenti in strumenti volti all’analisi e alla lettura dei big data. Abbiamo chiesto a Antonio Furci Central Procurement Manager di TP Reflex di aiutarci a comprendere qual è il vero valore aggiunto apportato dalla corretta lettura e analisi dei dati raccolti nei processi di Procurment management?
Negli ultimi anni la parola “Big Data” ha iniziato a fare sempre più parte del lessico corrente di ogni CPO, è ormai certo che stiamo stiamo vivendo una rivoluzione che porta intrinsecamente ad un differente approccio al mercato ed il doversi rapportare a nuovo processi di business.
Ma cosa sono i “Big Data” e come mai oltre la metà delle aziende italiane ha in piano di investire su questo campo?  La risposta più semplice proviene dalla stessa traduzione: milioni se non miliardi di dati correlati tra di loro ed elaborati da intelligenze artificiali che consentono analisi predittive e verifica delle strategie applicate.

Quali gli svantaggi operativi e le principali difficoltà d’uso nel flusso di procure to pay?
Siamo in un periodo di rivoluzione industriale, strategie e modelli di Business che solo 10 anni fa consentivano risultati considerevoli non sono neppure considerabili ad oggi. Un Procurement Department che voglia essere vincente necessita di strumenti di Business intelligence in grado di adattarsi ad una realtà ancora fluida con drivers mutevoli, poter manipolare i dati interni correlandoli con quelli di mercato è basilare al fine di avere una bussola efficace per determinare la direzione da seguire.
Big Data / Data Annalytics / Business Intellgence non sono più risorse ma strumenti di lavoro fondamentali, e presto diverranno le hard skill alla base del lavoro dei CPO, permettendo non solo di anticipare le fluttuazioni di un mercato globale ma anche di validare con dati oggettivi le strategie di acquisto.

Ne parleremo assieme il 19 Febbraio 2020, non mancate.