News & Media

Da quando avete iniziato a lavorare con RPA? Su quali progetti avete iniziato? C’è stato qualche progetto per cui non è stato utile?

Lo abbiamo chiesto a Adolfo Pellegrino, Direttore Operations BNL Spa - Gruppo Bnp Paribas

Abbiamo chiesto a Adolfo Pellegrino, Direttore Operations  BNL Spa - Gruppo Bnp Paribas...

Da quando avete iniziato a lavorare con RPA?  Su quali progetti avete iniziato?  C’è stato qualche progetto per cui non è stato utile?

Abbiamo cominciato ad utilizzare l’RPA più di un anno fa. Nel nostro percorso, siamo partiti dai processi di back office, caratterizzati da task ripetitive, strutturate, con elevati volumi e senza necessità di intervento discrezionale della persona. Da qui si siamo poi progressivamente spinti su tutti i processi della Banca (HR, compliance, reclami, crediti, controlli operativi, etc.)

Oggi abbiamo 20 “robot” operativi, che ci hanno permesso di ottenere una percentuale di automazione superiore al 50% e risparmi di costi di trasformazione pari a 3 milioni di Euro circa.

Tali tecnologie stanno generando benefici molto importanti anche per i nostri clienti, perché possono ricevere risposte più rapide dalla Banca, e per le nostre persone, perché possono concentrarsi su attività a maggior valore aggiunto per i nostri clienti.

Quali i benefici attesi in termini di tempistiche/efficacia ed efficienza volete raggiungere con RPA entro il 2018?

Visti gli ottimi risultati raggiunti fino ad ora in termini di percentuale di automazione e abbassamento dei costi operativi, per il futuro ci siamo obiettivi molto ambiziosi: parliamo di riduzione dei costi di trasformazione per ca. 20 milioni di euro entro la fine del 2019 attraverso la “robotizzazione” di più di 100 processi nelle varie aree di operatività della Banca.

Quali le future applicazioni?

Guardando avanti, oltre a un’applicazione sempre più diffusa della robotica, stiamo cominciando a sperimentare anche soluzioni di automazione “intelligente”, basate su tecnologie di Machine Learning e Intelligenza Artificiale.

Per fare questo abbiamo attivato anche un centro di competenza interno alla Banca che ha lo scopo di cercare le mie soluzioni disponibili sul mercato, individuare i possibili ambiti di applicazione nell’operatività e nei processi della Banca e gestirne l’implementazione.

Questo team è formato da persone con conoscenze e competenze di vario tipo (IT, BPR, Cyber Security, Lean e Qualità) che lavorano in maniera sinergica per identificare e sviluppare le soluzioni tecnologiche di automazione più adatte alle specifiche esigenze del business della nostra Banca.

In quale ambito vorrebbe applicare o avete già applicato Intelligenza Artificiale?

Parallelamente al progetto di RPA, in questi ultimi mesi abbiamo avviato una fase di sperimentazione di una soluzione di Intelligenza Artificiale. Dopo aver effettuato uno scouting attento sulle soluzioni disponibili, abbiamo deciso di testare una tecnologie basata su high performance computing e logiche di Machine Learning non supervisionato.

Pur avendo identificato una tecnologia con un ottimo livello di maturità, essendo il primo progetto di questo genere abbiamo deciso di testarlo su un’attività di Help Desk interno. Se i risultati saranno positivi, abbiamo già individuato diversi use case a cui estendere questa tecnologia e che riguardano processi che prevedono un’interazione anche con i nostri clienti.