Redigere e gestire il Contratto di Agenzia
per il corretto calcolo dell’Indennità di fine rapporto e la validità dell’AEC 29 Maggio 30 Maggio 2019, Milano

Programma

8.45 Registrazione dei partecipanti
9.00 Apertura dei lavori
11.00 Coffee break
13.00 Colazione di lavoro
18.00 Chiusura dei lavori

 

Primo giorno

(dalle ore 9.00 alle ore 11.00)

GLI ADEMPIMENTI FISCALI LEGATI AL CONTRATTO DI AGENZIA

  • Regimi contabili
  • Regimi fiscali
  • Tenuta e conservazione delle scritture contabili
  • Libri e registri contabili Adempimenti IVA (inizio, variazione e cessazione attività)
  • Detraibilità IVA
  • Fatturazione e ritenute d’acconto
  • Principi di cassa, di competenza economica e di inerenza
  • Accantonamenti di fine rapporto e indennità
  • Gestione rimborsi spese
  • Imposte sui redditi
  • IRAP
  • Riflessi su bilancio e fondi di accantonamento

Massimiliano Martino
Commercialista
STUDIO MARTINO

 

ASPETTI CRITICI DEL CONTRATTO INTERNAZIONALE D’AGENZIA

  • Come scegliere la legge applicabile: legge italiana, legge del paese della controparte, altre soluzioni
  • La prevenzione e la corretta gestione del contenzioso (giudizi ordinari e arbitrati)
  • L’indennità di fine rapporto nei contratti internazionali

 

ENASARCO: ASPETTI CONTRIBUTIVI E PREVIDENZIALI

  • Analisi degli effetti della disciplina ENASARCO
  • Come gestire le questioni legate agli obblighi contributivi e ai limiti territoriali
  • Il contributo fondo previdenza e fondo assistenza
  • Il contributo indennità di fine rapporto

 

SESSIONE PRATICA I - COME CALCOLARE L’INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO – Simulazioni di calcolo

  • La Direttiva 86/653/CEE e la sua attuazione
  • La sentenza della Corte CE del 23 marzo 2006
  • Il calcolo dell’indennità in assenza di applicazione degli accordi economici collettivi:
    • scritture contabili e onere della prova
    • dal minimo al massimo previsto dalla legge
    • le variabili che incidono sul calcolo
  • Esempi e comparazioni di calcolo dell’indennità secondo l’AEC 2014 Industria e secondo l’AEC 2009 Commercio
  • Orientamenti della giurisprudenza italiana dopo la sentenza della Corte CE del 23 marzo 2006
  • Possibili strategie da adottare

 

SESSIONE PRATICA II - LA REDAZIONE DELLE PRINCIPALI CLAUSOLE CONTRATTUALI

  • L’oggetto del contratto
  • La durata e le possibilità di risoluzione
  • La zona
  • L’esclusiva
  • I minimi garantiti (fatturato, solvibilità, puntualità)
  • Gli eventuali servizi post-vendita
  • L’attività promozionale e le forme di pubblicità concordata
  • I marchi e i segni distintivi
  • I segreti aziendali e commerciali
  • Il patto di non concorrenza post contrattuale

Paolo Lombardi
Avvocato e Partner
Studio Legale ELEXI

Secondo giorno

LE FIGURE COMMERCIALI CARATTERISTICHE O ATIPICHE

  • Quali sono le figure commerciali caratteristiche o atipiche diffuse nella pratica: valutazione e confronto delle differenze e peculiarità
  • Come varia la disciplina contrattuale a seconda delle diverse figure professionali

 

L’ACCORDO ECONOMICO COLLETTIVO PER AGENTI E RAPPRESENTANTI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL’ACCORDO 2014 PER IL SETTORE INDUSTRIA

  • Le caratteristiche principali degli accordi economici:
    • disciplina delle provvigioni: maturazione, corresponsione e liquidazione
    • i termini di preavviso
    • indennità per lo scioglimento del contratto: risoluzione del rapporto, suppletiva di clientela, meritocratica
    • patto di non concorrenza: misura dell’indennità all’agente, violazione del patto, penale
  • Peculiarità del settore commercio (2009 - 2010) e del settore industria (2014)
  • L’impatto sulla redazione dei contratti
    • le modalità di individuazione della zona
    • l’esclusiva
    • le variazioni unilaterali del preponente: zona, prodotti e provvigioni
    • Conoscere le variazioni unilaterali del contratto dopo la Legge n° 81 – 22/05/2017
    • la redazione delle clausole contrattuali: patto di non concorrenza e minimo d’affari
    • previsione dell’indennità contrattuale

 

COME GESTIRE LO SCIOGLIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO

  • Durata, risoluzione e recesso nel contratto di agenzia
  • I termini del preavviso
  • La giusta causa nella risoluzione del contratto: applicabilità dell’art. 2119
  • Analisi della casistica: soggetti non iscritti al ruolo, mancata esecuzione per cause imputabili al preponente, fattori imputabili all’agente, variazione della zona e di altri elementi essenziali del contratto
  • La clausola risolutiva espressa dopo le Sentenze della Cassazione sulle clausole risolutive espresse
  • I termini di impugnazione e decadenza (Collegato Lavoro e Riforma Fornero) e la disciplina dell’appello

 

DISCIPLINA DELLE PROVVIGIONI E CRITERI DI DETERMINAZIONE

  • La retribuzione dell’agente e il diritto alla provvigione
  • I termini di corresponsione
  • L’inadempimento imputabile nella disciplina delle provvigioni
  • Derogabilità
  • La restituzione delle provvigioni per il caso di mancato buon fine dell’affare o nell’esecuzione parziale
  • Le provvigioni dopo la cessazione del rapporto
  • Il compenso per le attività accessorie e i rimborsi spese

 

L’INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO E L’INDENNITÀ  SUPPLETTIVA DI CLIENTELA

  • Il calcolo dell’indennità di scioglimento di fine rapporto: come interpretare correttamente l’art. 1751 del Codice Civile, le sentenze della Cassazione e gli accordi collettivi per prevenire i contenziosi
  • I parametri e le basi su cui calcolare un compenso equo per entrambe le parti
  • L’indennità suppletiva di clientela
  • La sentenza “Europea” del 26/03/2009
  • Sentenza calcolo indennità nel periodo di prova -  Sentenza Corte di Giustizia Unione Europea C-645/16 del 19.04.2018.

 

LE PENALI PER VIOLAZIONE DEL PATTO DI NON CONCORRENZA

  • Il patto di non concorrenza alla luce dell’art. 1751 bis del Codice Civile e dell’art. 23 della legge comunitaria 29/12/2000 n.422
  • I requisiti del patto: oggetto, zona, durata
  • In cosa consiste l’indennizzo dovuto al preponente in caso di violazione
  • Profili particolari di violazione: lo svolgimento dell’attività concorrenziale prima della scadenza del termine; il suo svolgimento nella stessa zona geografica nello stesso settore
  • Il concetto di identità di clientela, beni e servizi
  • Come gestire il patto di non concorrenza stipulato dopo la cessazione del rapporto
  • Qual è la rilevanza della posizione di monomandatario o plurimandatario dell’agente

Marco D. A. Saporiti
Avvocato
STUDIO LEGALE SAPORITI