Procurement Forum
Dal Data Analytics al Supplier Performance Management 27 Febbraio 2019, Milano - Enterprise Hotel

Agenda

08:30
08:45
09:00



 

09:10


09:30

Attraverso la presentazione di un case study di successo verranno approfonditi processi e strumenti finalizzati ad ottimizzare le performance dei fornitori Ricambi durante l’intero ciclo di vita del prodotto

 


  • Marco Baffoni - Head of Life Cycle & OES Purchasing | Digital, Aftermarket Solutions CNH Industrial
09:45

La tavola rotonda approfondisce le modalità di definizione degli indicatori, nonché delle caratteristiche delle soluzioni tecnologiche adottate a definire un Supplier Performance Management credibile e prioritario.

  • Quali KPI per la misurazione della relazione con i supplier?
  • Come strutturare e organizzare le attività di Reporting?
  • Come gestire le inefficienze dei fornitori per contenere le ripercussioni negative sulla produttività aziendale (aumento dei costi, perdite di tempo, mancata qualità del servizio)
  • Come pianificare strategie di fornitura volte a responsabilizzare il fornitore e a stimolarlo ad una maggiore efficacia ed efficienza?
  • Come cogliere la sfida/opportunità del digital per rendere il procurement 100% Customer-Centric?

Modera:

prendono parte al dibattito

10:30
  • A distanza di tre anni dal GO LIVE della piattaforma Vitrociset, quali sono stati i vantaggi ottenuti?
  • Da dove partire con una Suite di Digital Procurement?
  • Quali saranno gli sviluppi futuri della piattaforma?

Modera:


  • Gianluca Adduci - Supply Chain Management Processes Improvement Manager Vitrociset, a Leonardo Company
10:45

Il ruolo dell’Uff. Acquisti è diventato sempre più strategico ed essenziale per la coordinazione delle innovazioni da apportare in azienda. CPO e CIO devono necessariamente collaborare in modo proattivo per rendere agile il valoro con gli stakeholders, con i supplier e i clienti.
La strada verso la digitalizzazione conduce le aziende a raccogliere, analizzare e implementare real time data al fine da realizzare strategie estendibili a tutte le funzioni aziendali.

  • Le strutture acquisti sono pronte a recepire la trasformazione digitale e accelerare con essa la crescita propria e dell’azienda? Quali sono i principali ostacoli al cambiamento? Come CIO e CPO possono collaborare per superarli?
  • Le tecnologie avanzate, in particolare big data e digital supply networks, possono creare nuovi livelli di trasparenza, compliance ed efficienza nel procurement management, come?
  • Big Data& intelligenza artificiale: come trarre vantaggio dai big data per vincere la sfida della digital trasformation?
  • Procurement Collaboration”: valorizzare la conoscenza di processi e informazioni diffuse nell’organizzazione in un progetto di Digital Transformation integrato con Soluzioni di eProcurement Best of Breed

Modera:


11:30
12:00

Il CPO nell’affrontare la misurazione dei rischi, il contenimento dei costi e la negoziazione con i supplier deve poter integrare in modo incisivo strategie specifiche di Social Corporate Responsability ridefinendo l’asset strategico aziendale, aggiungendo valore nella mitigazione del rischio fornitori, identificando opportunità di sviluppo e favorendo una maggiore collaborazione e innovazione con i supplier.

  • Quali strumenti per la gestione e il monitoraggio costante dell’albo fornitori?
  • Come identificazione i potenziali supplier e analizzare i probabili rischi reputazionali e di processo finanziario?
  • Qual è il livello di consapevolezza dei CPO in merito alle sfide di Corporate Social Responsability? Il CPO quale ruolo ha nelle strategie di CSR?

Modera:

  • Maria Teresa Cuomo - Professore Associato in Management dell’Innovazione Università degli Studi di Milano Bicocca

partecipano al dibattito:

12:30

Il contesto, l’approccio al progetto, il coinvolgimento interno e gli elementi vincenti nell’esperienza di chi ha guidato e promosso il cambiamento in azienda.


12:45

Un momento di confronto tra fornitori di servizi/soluzioni e CPO per scoprire le innovazioni presenti nel mercato di riferimento.
Le imprese che adottano sistemi P2P registrano immediatamente un calo dei costi di gestione del Procurement che oscilla tra il 2 e il 3% riescono a accrescere la visibilità e l’efficienza delle operazioni e contenere i costi velocizzando così la gestione della supply chain.

  • Cosa significa esattamente adottare una soluzione Procure to Pay (P2P) e perché le aziende dovrebbero puntare sulle nuove piattaforme di eProcurement?
  • Come le aziende devono realizzare un progetto di Fatturazione Elettronica per riuscire a sfruttare le sinergie lungo l’intero ciclo Ordine-Pagamento, conseguendo i massimi benefici operativi e strategici a livello aziendale?
  • Come la tecnologia può velocizzare la gestione dei processi di Invoice-to-Pay e Accounts Payable?

Modera:

13:15

Un pranzo riservato e dedicato a conoscere i colleghi, confrontarsi con loro sulle tematiche oggetto di approfondimento durante la giornata

14:30

Un momento di networking dinamico, pensato per favorire il confronto.

Suddivisi in 4 tavoli tematici e guidati da un moderatore i partecipanti verranno guidati ad approfondire le soluzioni di diversi case study e dibatteranno sulle possibili soluzioni, metodologie e strategie da adottare per migliorare tutti i processi lungo la filiera.

Al termine del dibattito i moderatori riporteranno alla platea i focus emersi nei singoli tavoli.

TAVOLO 1: Digital procurement: l’efficienza dei processi e il continuo miglioramento

  • Il valore della digitalizzazione dei processi: come massimizzare i risultati della digitalizzazione dei processi di acquisto

  • Il continuo miglioramento: mantenere la spinta al continuo miglioramento della qualità per una reale creazione di valore.

  • Massimizzare l’investimento: quale approccio per garantire un'adozione rapida ed estesa dei nuovi processi e delle nuove tecnologie da parte di tutta l’organizzazione

Conduzione a cura di:


TAVOLO 2: Quanto vale la Supply Chain Collaboration

La tecnologia rappresenta un ottimo alleato per garantire un approccio proattivo nelle scelte di business e una governance degli acquisti tale da mitigare i rischi della supply chain. Come proteggere e migliorare la forza sul mercato e avere un impatto diretto sulla bottom line:
• Come riuscire a mitigare i rischi, lavorando con i colleghi e fornitori su tutti i livelli della supply chain?
• Come la tecnologia può essere di aiuto?

Durante la sessione di lavoro i partecipanti avranno a disposizione il tool "IUNGOWallet" per la quantificazione degli impatti economici dei diversi interventi di Supply Chain Collaboration
 

Conduzione a cura di:


TAVOLO 3: Negoziazione & Commitment Interno

Il CPO ha il compito di trasferire a tutti gli stakeholders l’importanza di coinvolgere il Procurement ad usare gli strumenti più idonei e affidarsi alla competenza della funzione acquisti per prendere al meglio le decisioni di business.

  • Quali strategie facilitano questo processo?


TAVOLO 4: Agile Management

Il tavolo è pensato per analizzare i 4 attributi indispensabili per essere un’agile enterprise e definire gli ingredienti necessari per cambiare approccio nella gestione dei processi organizzativi:

  • Proactive decision making
  • Digital value network
  • Customer centric
  • Operationally responsive

Condotto da:


16:00
16:30

Un esempio in cui l’innovazione nasce dagli Acquisti e può espandersi poi a tanti altri processi aziendali


16:45

In collaborazione con ADACI è stata realizzata un’indagine dedicata a definire lo scenario opeartivo, skills e accountability dei CPO:

  • Equilibri tra i diversi livelli retributivi e assegnazione delle accountability
  • Skills e competenze trasversali richieste al CPO per la costruzione di relazioni con i fornitori e l’ottimizzazione del TCO
  • Quali sono i recenti orientamenti delle aziende leader e le best practice di mercato per attrarre, sviluppare e mantenere i talenti nel procurement?


17:15
17:30