News & Media

Come organizzare un Business Model per agevolare l'innovazione?

Il fattore abilitante dell’innovazione è l’essere umano; la direzione del personale dovrebbe essere guida e propulsore della digitalizzazione e supportare il busi­ness nel determinare i nuovi modelli organizzativi.

È necessario aver chiara la differenza tra Digital Stra­tegy e Digital Transformation; la prima è una strategia focalizzata all’uso di nuove tecnologie per meglio ser­vire i clienti e gestire il business, mentre la seconda è un intenso processo che inizia costruendo un intero cambiamento aziendale:

-cambiamento di cultura
-cambiamento di organizzazione
-cambiamento di approccio prima che di adozione di nuove tecnologie.

Oggi lavorando insieme, abbiamo intravisto come in realtà “il cambiamento stesso sta cambiando”; fino ad oggi/ieri abbiamo assistito a molti e rapidi cambia­menti in ogni settore, ma tutti con un denominatore comune: una relativa prevedibilità della loro traiettoria. All’orizzonte iniziamo invece a intravedere uno scena­rio diverso, dove il denominatore comune è l’impreve­dibilità di cosa emergerà anche nel breve, immergen­doci in contesti sempre più di volatilità e incertezza. Occorrerà essere aperti e saper individuare le novità a valore su cui investire in tutti gli ambiti aziendali, dalle strategie alle operations. La vera novità è, dunque, nel come sapremo innovare il nostro approccio al cam­biamento; molte aziende ancora operano con processi e strutture sempre più potenziate per affrontare, (in realtà “immaginare di governare e controllare”), il cam­biamento. A breve questo modello non funzionerà più.

IL CAMBIAMENTO NON SI GOVERNERÀ, MA SI CAVALCHERÀ

Le nostre aziende devono iniziare un processo di tra­sformazione e investire sul Change Management delle persone oltre che dei sistemi. Inoltre bisognerà “recuperare” in tempo il profilo di quelle persone che vedranno sostituito il loro ruolo dall’applicazione dell’intelligenza artificiale. a tendere nuovi mestieri legati a questa discontinuità si apriranno, ma nel tran­sitorio la questione della perdita di posti di lavoro si potrà presentare, perché non tutti riusciranno a cam­biare la loro pelle. È un tema che dovrà certamente esser indirizzato su piani etici e di social welfare.

Conclusioni:

Considerati questi due trend che si chiudono a te­naglia sui vecchi modelli organizzativi, operativi e soprattutto di competenze e attitudini delle perso­ne, le aziende dovranno certamente riconsiderare pesantemente il proprio assetto. Di sicuro oggi è emerso come si stia rapidamente avvicinando il mondo delle operations a quello dell’IT, con intera­zioni sempre più strette e sinergiche alla ricerca di potenziali da sfruttare grazie all’innovazione digita­le; qualcosa è quindi già iniziato nel cambio di mind set nelle nostre aziende.

… e infine, un’ultima domanda:

SIETE PRONTI A FARE BUSINESS IN MODALITÀ DIGITALE PER L’ERA DIGITALE?

 

Utility Day, Lorenzo Misani, Quality, Processes Innovation and Market Academy Director di Edison Energia