Antiriciclaggio

Overview

Conoscere le criticità del D. lgs 90/2017 ed escludere il danno reputazionale.

  • Eseguire correttamente la verifica dei clienti e identificare le transazione sospette
  • Imparare a sviluppare misure di controllo interno e il manuale di prevenzione interno: il whistleblower
  • Rivedere obblighi normativi e imparare ad avviare le procedure per valutare il rischio dei clienti e in particolare a svolgere adeguatamente la verifica di carattere rafforzato
  • Come integrare nel Framework Risk Based il rischio di antiriciclaggio
  • AUI: quali gli obblighi di registrazione e di conservazione delle informazioni definiti dalla IV Direttiva Antiriciclaggio
  • Tutelarsi dai controlli delle Autorità di Vigilanza

Esercitazioni:

  1. Verifica della clientela e della documentazione da acquisire
  2. Sviluppo di Misure di Controllo Interno e del Manuale di Prevenzione
  3. Determinazione di una proposta di Risk Appatite e di Risk Tollerance

A Chi é Rivolto

Banche e altri intermediari finanziari

  • Responsabile Antiriciclaggio
  • Responsabile Risk Management e Compliance
  • Responsabile Internal Audit e Frodi
  • Ufficio Legale

Perchè Partecipare

Un programma avanzato per prevenire il Riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Dlgs 90/2017 rispettare gli obblighi di monitoraggio e controllo della clientela per evitare il riciclaggio e il finanziamento al terrorismo è diventato più complicato. In conseguenza di ciò il danno reputazionale causato da un possibile crimine è diventato progressivamente più importante e più punito. Soprattutto il sistema sanzionatorio si è fatto più severo, prevendo la reclusione da 6 mesi a 3 anni per chi, essendo tenuto all’osservanza degli obblighi di adeguata verifica, in occasione dell’adempimento dei predetti obblighi, “utilizza” dati e informazioni falsi relativi al cliente, al titolare effettivo, all’esecutore, allo scopo e alla natura del rapporto continuativo o della prestazione professionale e all’operazione. IKN Italy propone questo programma per offrire il set di conoscenze giuridiche, tecniche e pratiche necessarie per attuare al proprio interno un sistema antiriciclaggio efficiente e rispettare lo standard di prevenzione di tale rischio e quindi evitare le sanzioni.

L’Avv. Maurizio Arena, uno dei massimi esperti in materia, offrirà un inquadramento giuridico puntuale e risponderà ad ogni più piccolo dubbio. Il Dott. Galdiolo, Chief Risk and Compliance Officer di Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia, invece, vi calerà nella realtà quotidiana fornendo soluzioni pratiche e concrete.

Prima dell’inizio del corso invieremo ad ogni partecipante un questionario per conoscere il livello di esperienza e conoscenza in relazione al tema oggetto del corso, le priorità e le aspettative. Questo permetterà ai docenti di adattare i contenuti del Corso.Durante il corso, si alternerà una parte teorica e una parte più pratica e applicativa durante la quale verranno trattati numerosi casi pratici.

Legga il programma e si iscriva subito!

Agenda

08.45

Registrazione (1° giorno)

09.00

Inizio dei lavori

11.00

Coffee Break

13.00

Pranzo

17.30

Chiusura Lavori

Programma

Primo giorno

IL QUADRO NORMATIVO

  • L’evoluzione della normativa antiriciclaggio in Italia
  • Il recepimento della IV Direttiva: il d.lgs. 90/2017
    • Le principali modifiche ed integrazioni apportate al d.lgs. 231/2007
    • L’adeguata verifica della clientela
    • La conservazione
    • La segnalazione di operazioni sospette
    • Gli altri obblighi dei soggetti destinatari
    • Valutazione e mitigazione del rischio di riciclaggio
  • Formazione del personale e segnalazione di potenziali illeciti
  • Ruolo e responsabilità degli organi di controllo interno
    IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO PENALE E AMMINISTRATIVO INTRODOTTO DAL DLGS 90/2017

    • Le sanzioni per la persona fisica e per la persona giuridica
    • La responsabilità degli esponenti aziendali del soggetto vigilato
    • Il procedimento sanzionatorio
    • Rilevanza della compliance antiriciclaggio e antiterrorismo
      • La conferma della responsabilità della persona giuridica per i delitti di riciclaggio (d.lgs. 231/2001)
    • Le disposizioni su poteri e funzioni delle Autorità preposte
      • La circolare MEF del 6 luglio 2017
      • La circolare della Guardia di Finanza del 7 luglio 2017

Cenni sulle novità in tema di contrasto del finanziamento del terrorismo

Maurizio Arena – Avvocato – STUDIO LEGALE SOCIETARIO

Secondo giorno

ANTIRICICLAGGIO E ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA: CONOSCERE E APPLICARE CORRETTAMENTE GLI ULTERIORI NUOVI STRUMENTI PER UN’ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA PREVISTI DAL DLGS 90/2017

Nuova definizione di Persone Esposte Politicamente

  • Quali gli impatti organizzativi, gestionali e sul profilo di rischio complessivamente assunto dall’intermediario

L’adeguata verifica di carattere rafforzato e corretta identificazione del titolare effettivo

Nel corso dell’intervento verrà illustrato un approccio metodologico ed operativo di presidio e valutazione del rischio di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo

  • Come gestire la clientela corporate con strutture societarie complesse e nell’ipotesi di operazioni di finanziamento in pool piuttosto che oggetto di ristrutturazione
  • Come procedere con l’adeguata verifica nel caso di società fiduciarie e trust
  • Conoscere e gestire nel continuo il processo corretto di identificazione del titolare effettivo
  • Iscrizione del titolare effettivo nel registro delle imprese: impatti operativi nel processo di gestione dell’adeguata verifica

Esercitazione I partecipanti suddivisi in piccoli gruppi decideranno come completare la verifica della clientela e quale documentazione acquisire

PREVEDERE UN SISTEMA ANTIFRODE COME PRESUPPOSTO PER L’APPLICAZIONE DI ADEGUATI PRESIDI ANTIRICICLAGGIO

Come definire e gestire un Fraud Prevention Program e individuare la modalità tecnico-operativa per gestire i sistemi di identificazione di frodi

  • Conoscere quali sono e come applicare i sistemi interni di segnalazione delle violazioni:
    • Il whistleblower: passivi, attivi, livello di anonimato, modalità tecniche, giuridiche, privacy
    • Modalità gestionali di fraud prevention
    • La gestione operativa delle segnalazioni e le tecniche di indagine
    • La eventuale gestione del crisis management in ipotesi di frodi operative

Esercitazione I partecipanti lavoreranno per elaborare la CHECK LIST dei punti critici quando si trovano impegnati nello sviluppo delle misure del Controllo Interno e quando è necessario elaborare il Manuale di Prevenzione

CONOSCERE GLI OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE E DI CONSERVAZIONE DELLE INFORMAZIONI DEFINITI DALLA IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO

  • Obbligo di ricostruzione delle operazini effettuate
  • Consocere i sistemi di conservazione delle informazioni
  • Archivio Unico Informatizzato quale strumento gestionale per rispondente a garantire la conformità dell’intermediario agli obblighi di conservazione richiesti
  • Obbligo di ricostruzione univoca degli elementi essenziali del rapporto instaurato e/o delle operazioni effettuate

COME INTEGRARE IL RICHIO DI ANTIRICICLAGGIO NEL RISK APPETITE FRAMEWORK

  • Conoscere l’approccio integrato delle funzioni di controllo di secondo livello: la determinazione del risk appetite, della risk tolerance e del risk profile per i rischi di non conformità della funzione antiriciclaggio integrata con l’assetto quantitativo richiesto dalla vigilanza

Case History e Esercitazione I partecipanti determineranno una proposta di Risk Appatite e di Risk Tollerance per la funzione antiriciclaggio partendo dalla lettura di una Relazione Annuale della funzione

  • Gli obblighi di adeguata verifica formalizzati nella IV Direttiva Antiriciclaggio e l’approccio Risk Based
  • Come dimostrare alle Autorità di Vigilanza l’adeguatezza delle procedure di valutazione adottate
  • Risk based approach: modalità per graduare l’intensità ed il rafforzamento del processo di adeguata verifica con riferimento al cliente e con riferimento all’operazione, rapporto continuativo o prestazione professionale erogata; obbligo di identificazione

Casistiche di riciclaggio e finanziamento del terrorismo: Aggiornamenti dell’Unità di Informazione Finanziaria (UIF)

Docenza a cura di

Marco Galdiolo –  Chief Risk and Compliance Officer BANCA MEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

 

Docenti

Marco Galdiolo Marco Galdiolo, Responsabile Compliance e Risk Management , BANCA MEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Maurizio Arena Maurizio Arena, Avvocato, Studio Legale Societario

Dove

Milano

Quando & Dove

Iscriviti
23 Gen - 24 Gen 2018 Milano € 1499 Offerta speciale per iscrizioni anticipate € 1299 - Iscriviti entro il 21 Nov 2017
23 Gen - 24 Gen 2018 Milano € 1499 Offerta speciale per iscrizioni anticipate € 1399 - Iscriviti entro il 19 Dic 2017

Quando & Dove

23 Gen - 24 Gen Milano
23 Gen - 24 Gen Milano